Catalogo

Progetto senza titolo (3)

€ 120,66

Il prezzo si intende comprensivo di IVA.

Odontoiatria ECM – Implantologia computer guidata: tecniche digitali per risultati riabilitativi predicibili – CORSO FAD (*23)

Razionale e obiettivi Formativi

La riabilitazione protesica sviluppata su elementi naturali e impianti pone il clinico nella difficoltà di dover attuare un piano riabilitativo misto, valutando l’integrità degli elementi naturali, nella globale visione endodontica, parodontale, nella valutazione ossea residua, nel fenotipo gengivale e nella funzione masticatoria associata a eventuali parafunzioni.
L’innovazione tecnologica sempre più d’ausilio nella risoluzione della diagnosi associata alla radiologia cone-beam con l’impiego di software dedicati alla progettazione pre protesica implantare e terapeutica coniuga la possibilità di rilevare e sviluppare impronte progettando ricostruzioni protesiche seguendo il flusso digitale.
Lo sviluppo di tecniche evolute in ambito chirurgico e protesico consentono di poter soddisfare le molteplici esigenze cliniche.

Questo corso è strutturato secondo un percorso formativo, in cui il partecipante ha la possibilità di orientarsi verso i fondamenti di un attuale trattamento clinico digitale.
La struttura è tale per cui sarà possibile approfondire i vari aspetti che contraddistinguono l’impiego di avanzate tecnologie digitali.
L’obiettivo è quello di indicare un protocollo che partendo dalla diagnosi si prefigge un percorso in moduli, volti alla programmazione, passando dalla progettazione sino alla realizzazione del manufatto protesico. Il progressivo impiego delle tecnologie in ambito odontoiatrico impone una conoscenza e un’indicazione al protocollo operativo che ne esalta l’utilizzo, pertanto gli argomenti trattati hanno sempre una comparazione delle varie fasi cliniche tra l’analogico e il digitale, offrendo la possibilità di potersi adoperare nell’uso delle varie tecniche operative sino agli scanner intraorali.
In ambito chirurgico il digitale è in grado di sfruttare l’approccio di protocolli minimamente invasivi posizionando degli impianti anche in quelle situazioni cliniche con aspetti particolarmente critici per disponibilità di volumi ossei o per difficoltà intrinseca alla risoluzione. L’inserimento implantare protesicamente guidato consente di ottimizzare la riabilitazione dal punto di vista funzionale ed estetico.
La chirurgia computer assistita definitivamente entrata nell’armamentario dell’implantologo risponde efficacemente a queste necessità.
La pianificazione prechirurgica realizzata attraverso mascherine diagnostiche, sistemi di imaging digitali e software dedicati al planning chirurgico sono un momento fondamentale per la corretta realizzazione delle riabilitazioni orali implanto-protesiche.
I Software per la chirurgia computer assistita permettono finalmente l’utilizzo minuzioso dei dati radiologici in modo autonomo, dinamico e tridimensionale. I tempi chirurgici, le incognite diagnostiche e lo stress operativo della fase chirurgica del paziente e dell’operatore vengono ridotti e controllati.

Perché partecipare

I moduli saranno 4 comprendendo la chirurgia computer guidata applicata alle riabilitazioni complete e parziali dei settori posteriori e delle regioni frontali più estetiche, associate a una chirurgia minimamente invasiva o alla ricostruzione ossea tramite griglie in titanio customizzate.

Mentre per la parte riabilitativa la protesizzazione è prevista tramite l’uso di Intra Oral Scanner.

A tal scopo è necessario fornire gli strumenti di base per chi si affaccia nel mondo dellʼimplanto-protesi per la prima volta e di poter scoprire evoluzioni tecniche e operative per chi è già utilizzatore di sistemi CAD/CAM.

Si partirà da nozioni basilari permettendo al partecipante di orientarsi verso gli attuali strumenti diagnostici al fine di affrontare le informazioni cliniche acquisite per l’interpretazione clinica risolutiva.

I moduli condurranno il corsista alla valutazione dell’impronta digitale oltre ai trattamenti chirurgico riabilitativi dei settori estetici, dei settori posteriori e delle intere arcate dentarie, verrà inoltre trattata la rigenerazione ossea con l’ausilio di speciali mesh in titanio progettate e realizzate al CAD/CAM.

Il tutto sarà sviluppato con lo sviluppo di casi clinici a dimostrazione della tecnica impiegata.

Programma scientifico

MODULO 1

L’implantologia computer guidata delle edentulie intercalate posteriori: dall’analogico al digitale

F. Maltese, F. Turchini

1.1 I software di pianificazione virtuale in chirurgia computer guidata

1.2 Pazienti con presenza di metalli intraorali

1.2.1 Pazienti con denti naturali

1.3. Workflow Odontotecnico

1.3.1 Pazienti con protesi metalliche

1.3.1.1 Metodo analogico

1.3.1.2 Metodo digitale

1.3.2 Pazienti con denti naturali

1.3.2.1 Metodo analogico

1.3.2.2 Metodo digitale

1.4. Workflow odontotecnico per la produzione di un provvisorio a carico immediato nei settori posteriori

1.4.1 Metodo analogico

1.4.2 Metodo analogico/digitale

1.4.3 Metodo digitale

1.4.3.1   Esportazione file modello con scanbody

1.4.3.2   Esportazione con modello pronto per l’alloggio degli analoghi implantari CAD

1.4.3.3   Esportazione del modello con i prolungamenti dell’asse implantare

MODULO 2

Il ripristino funzionale dell’arcata dentale implanto supportata: trattamento esteso dal post-estrattivo all’edentulo totale. metodologie digitali a supporto della miniinvasività chirurgica.

R. Garrone, R. Scaringi, L. Stefanelli, D. Viera

2.1   Valutazione estetico-funzionale e modifiche gnatologiche

2.2   Trattamento del paziente edentulo

2.3   Trattamento del paziente in cui eseguire una bonifica dell’arcata dentaria

2.4   Differenze operative nel trattamento dell’intera arcata superiore o inferiore. Decisioni operative

2.4.1         Carico Immediato

2.4.2         Post-estrattivo a carico immediato

2.4.3         Carico Differito

2.4.4         Rigenerazione ossea preimplantare

2.4.5         Rigenerazione simultanea

2.5 Percorso verso un Piano di Trattamento Digitale (PTD)

2.5.1         Il progetto implantare

2.5.2         Impianti post estrattivi a carico immediato

2.5.3         Impianti a carico immediato nei pazienti edentuli

2.6 CASO CLINICO 1

2.7 CASO CLINICO 2

2.7.1         Fase I – Progetto Clinico

2.7.2         Fase II – Pianificazione Implantare

2.7.3         Fase III – Chirurgia

2.7.4         Fase IV – Protesizzazione

MODULO 3

Il posizionamento protesicamente guidato dell’impianto: tecniche di rigenerazione ossea individualizzate.

S. Garocchio – G. Marano

3.1 Le atrofie mascellari e la qualità ossea

3.2 Alternative terapeutiche

3.3  Rigenerazione ossea guidata (GBR, Guided Bone Rigeneration)

3.3.1  Le membrane nella GBR

3.3.2  Il materiale da innesto

3.3.3  Complicazioni nelle tecniche di GBR

3.4 Case Report

3.4.1 Case Report 1

3.4.2 Case Report 2

3.5 Conclusioni

MODULO 4

Riabilitazioni implantari in zona estetica: come il digitale aiuta a rendere predicibile e ripetibile il risultato finale.

R. Scaringi – A. Franchina

4.1 Introduzione

4.2 Analisi radiologica 3D

4.3 Scelta della terapia chirurgica

4.4 Scelta della modalità di provvisorizzazione

4.5 Caso Clinico 1

4.6 Caso clinico 2

Abstract contenuti

MODULO 1
L’implantologia computer guidata delle edentulie intercalate posteriori: dall’analogico al digitale

La chirurgia computer assistita è ormai una tecnica la cui efficacia è in grado di ampliare le potenzialità diagnostiche e terapeutiche del chirurgo del nuovo millennio. Pur non stravolgendo l’implantologia tradizionale la chirurgia computer guidata integra e favorisce una conoscenza più approfondita e consapevole delle singole problematiche. Essa permette di eseguire con estrema precisione di posizionamento e facilità di protesizzazione casi di edentulie intercalate che nonostante la loro semplicità richiedono determinati protocolli di posizione e direzione implantare.
La visione tridimensionale del caso clinico permette di coniugare le crescenti richieste estetiche unitamente alla richiesta di comfort durante l’intervento e nel post-operatorio minimizzando l’invasività. Casi apparentemente non complessi come quelli in edentulie intercalate possono essere eseguiti in chirurgia computerizzata con tecniche analogiche, ormai definitivamente testate, o anche per chi lo volesse, ci si può avvalere di tecniche di nuova concezione parzialmente o anche totalmente digitalizzate. Il modulo ripercorrerà le fasi salienti di protocolli analogici e digitali, o anche misti, introducendo il discente alla esecuzione di casi in pazienti parzialmente edentuli nelle zone posteriori. I protocolli odontotecnici, essendo parte determinante della semplificazione, saranno approfonditi nei loro meandri.

MODULO 2
Il ripristino funzionale dell’arcata dentale implanto supportata: trattamento esteso dal post-estrattivo all’edentulo totale. Metodologie digitali a supporto della miniinvasività chirurgica.

L’innovazione tecnologica in ambito medico odontoiatrico ha visto negli anni un repentino sviluppo posto al servizio della programmazione e dell’esecuzione di pianificazioni implanto-protesiche, rendendo possibile il raggiungimento di risultati ottimali e predicibili con flussi di lavoro stabili, minimamente invasivi con indubbio vantaggio per il clinico e per i pazienti.
Nell’implantologia, la conoscenza dei processi di integrazione e lo sviluppo merceologico ha esteso e consolidato la procedura di riabilitazione implanto supportata.
La necessità di valutare l’intera arcata dentaria nella sua globale funzionalità pone il clinico dinanzi a scelte che grazie al supporto diagnostico digitale è in grado di previsualizzare consentendo al paziente una più ampia gamma di soluzioni implanto protesiche adattabili alla patologia orale in atto, ottimizzandole alle proprie disponibilità economiche.
Tali progetti sono utilizzabili anche ai fini medico legali per ottenere dal paziente un “vero” consenso informato basato su immagini 3D della struttura ossea e del progetto scelto dall’operatore.
Valutando l’eventuale mantenimento dei singoli elementi dentali, la scelta di una bonifica dentale e il flusso di lavoro protesico che porta alla finalizzazione dell’arcata compromessa, sono delle decisioni che in ambito digitale è possibile effettuare con un margine di precisione ottimale.
Le singole scelte comportano un diverso grado di difficoltà che possono determinare un differente approccio clinico soprattutto nella fase di provvisorizzazione che talvolta è in grado di influire sulla qualità di guarigione dei tessuti molli e sullo stato di conservazione di strutture ossee.

MODULO 3
Il posizionamento protesicamente guidato dell’impianto: tecniche di rigenerazione ossea individualizzate.

Il nostro obiettivo è quello dell’implantologia protesicamente guidata. La relazione tra il futuro restauro implanto-protesico e la posizione tridimensionale dell’impianto è molto importante soprattutto nelle zone estetiche e spesso è necessario ricostruire un’adeguata quantità ossea. Le nuove tecnologie ci vengono in aiuto e quindi sia per la diagnosi che per il piano di trattamento consideriamo un percorso full digital. Il corso metterà in evidenza il vantaggio delle tecnologie CAD-CAM utilizzate per produrre griglie in titanio customizzate per personalizzare le tecniche rigenerative dei tessuti duri e dei tessuti molli.

MODULO 4
Riabilitazioni implantari in zona estetica: come il digitale aiuta a rendere predicibile e ripetibile il risultato finale.

La riabilitazione implanto-protesica dei settori frontali rappresenta una valenza estetica che talvolta sfocia in una sfida clinica nel confronto dei tessuti e della classe scheletrica di appartenenza.
La piena conoscenza delle diverse opzioni terapeutiche e le metodiche che derivano da un rigido e attento esame della letteratura scientifica consentono al clinico di poter eseguire una corretta pianificazione che lascia poco spazio agli imprevisti.
Il posizionamento implantare evidenzia le difficoltà da superare e pone il successo clinico alle dipendenze della corretta pianificazione che in maniera digitale offre una ideale valutazione tridimensionale dell’impianto, dell’osso e della protesi, sia essa avvitata o cementata.
La corretta gestione dei profili di emergenza dipende dai tessuti duri che sorreggono quelli molli, che sovente necessitano di incrementi o correzioni, e da un corretto design implantare e protesico.
Il flusso di lavoro digitale contrae i tempi di analisi e i costi esecutivi e determina una valutazione prechirurgica che consente al clinico un’ottima rappresentazione della futura ricostruzione dialogando col paziente in maniera chiara e diretta al risultato voluto.

COD: 569. Categorie: , .
Crediti ECM
25
Numero moduli
4
Tempo di studio stimato
25 ore
Destinatari
Odontoiatra, medico chirurgo
Data di inizio
23/01/2023
Data di fine
31/12/2023

Responsabile scientifico

Riccardo Scaringi
Medico Chirurgo Odontoiatra, Milano

Autori

Alessio Franchina
Odontoiatra, Vicenza
Santo Garocchio

Medico Chirurgo Odontoiatra, Genova
Roberto Garrone

Medico Chirurgo Odontoiatra, Roma
Fabio Maltese

Medico Chirurgo Odontoiatra, Roma
Giuseppe Marano

Odontoiatra, Roma
Riccardo Scaringi

Medico Chirurgo Odontoiatra, Milano
Luigi Stefanelli

Odontoiatra, Roma
Francesco Turchini

Odontotecnico, Firenze

Attestato ECM

L’attestato ECM è downloadabile direttamente on-line alla conclusione del percorso formativo e al superamento del questionario ECM con il 75% delle risposte corrette con un limite massimo di 5 tentativi per ogni singolo modulo.

Provider

Il provider si assume la responsabilità per i contenuti, la qualità e la correttezza etica di questa attività ECM.